Stef Burns

Stef Burns, uno dei più apprezzati chitarristi in Italia e nel mondo, ha sempre ricoperto uno dei ruoli fondamentali nella storia del rock, ovvero la “spalla” musicale di una rock star, grazie alla sua capacità di affrontare sia sessioni in studio sia tour mondiali modificando il proprio stile in base alla personalità della star che gli sta a fianco.

Nato ad Oakland, California, e cresciuto a WalnutCreek, CA, Stef comincia a suonare la chitarra all’età di 6 anni accompagnando il padre, e forma la sua prima band all’età di 9.

Durante il periodo del liceo suona in differenti gruppi, cimentandosi in svariati generi musicali: dal funk al rock, dal jazz alla fusion mostrando una straordinaria sensibilità tecnica nonostante la giovane età. La prima vera band che porta il chitarrista californiano alla ribalta sono gli “Omega”, grande funk band alla Tower of Power, nella quale figuravano anche Bill e Reni Slais (poi membri della Elvin Bishop band) e Mickey Thomas (poi negli Starship). Era il 1979 e la band pubblicò un album (“Out of our hands”) e andò in tour negli Stati Uniti. Nel 1983 affronta un tour americano e registra l’album “OutOf Our Hands” con Pablo Cruise.

Stef Burns si presenta però sulla ribalta mondiale in occasione del suo lavoro con Sheila E., tra il 1983 e il 1984. In quei due anni Stef ebbe l’occasione di suonare il funk prodotto da Prince in America, Giappone ed Europa, e di registrare due album di Sheila E. (“Romance 1600” e “Sheila E.”) e due B-sides (“Too sexy”, co-scritta dallo stesso Stef, e “Save the People”).

Ricordando quel periodo Stef afferma: “E’ stato un grande periodo(…) ho imparato molto sulla chitarra funk da Prince”. La Sheila E. band, opening act per il “Purple Rain tour” di Prince, era composta tra gli altri da Benny Reitveld (Miles Davis/Santana) al basso, il quale parteciperà anche alle sessioni in studio del primo album di Stef “Swamp tea” del 1998. Tra il 1986 e il 1987 Stef suona e va in tour con i Berlin, mentre nel 1988 segue in tour mondiale il cantante Michael Bolton.

Questa band era composta tra gli altri da Jonathon Cain alle tastiere e da Ross Valory al basso, in precedenza membri dei Journey.Nel 1989 Stef comincia un lungo sodalizio con i Y&T che lo porterà a registrare 4 album con questa band (“Ten”,”Yesterday and Today Live”,”Musically Incorrect” e “Endangered Species”). A proposito di Stef Burns il leader dei Y&T, David Meniketti, ha dichiarato: “Stef è un vero musicista, è in grado di suonare ogni genere e farlo con semplicità e stile. Con gli Y&T inseriva sempre quella cosa extra che ti faceva capire che stavi suonando con un chitarrista di livello mondiale”. Nell’aprile 1990 Stef Burns segue in un breve tour americano il sassofonista jazz Sadao Watanabe in compagnia di Will Kennedy alla batteria (Yellowjackets) ed il bassista Keith Jones.

Nel 1991,caldamente raccomandato da Joe Satriani, Stef comincia il suo ingaggio con Alice Cooper , che lo porterà a registrare due album con la storica rockstar: “Hey Stoopid” e “The Last Temptation”. Su “Hey Stoopid” figurarono oltre a Stef: Mickey Curry alla batteria (Bryan Adams), Hugh McDonald al basso (Bon Jovi) e come chitarristi ospiti: Joe Satriani, Steve Vai, Slash, Vinnie Moore, Mick Mars e Nikki Sixx dei Motley Crue. Su “The Last Temptation” invece Stef suonò tutte le parti di chitarra. Dal 1991 al 1995 segue in svariati tour sia mondiali sia americani Alice Cooper avendo l’occasione di dividere il palco con band del calibro di: Judas Priest, Motorhead, Ozzy Osbourne, Megadeath e Faith No More.

Dal 1996 Stef Burns entra a far parte della formazione base della band di Vasco Rossi dopo un primo approccio con il rocker italiano nel 1993, anno nel quale aveva preso parte alla registrazione dell’album “Gli spari sopra”. Da “Nessun pericolo per te” (1996) al più recente “Vasco: extended play” (2007) Stef Burns ha seguito Vasco Rossi negli album campioni di vendita e nei numerosi sold out negli stadi di tutta Italia, diventando una figura fondamentale per i fan di Vasco ed entrando nei cuori di molti musicisti italiani.

Nel 2004, durante il “Buoni o Cattivi Tour” viene invitato a suonare al G3 con Joe Satriani e Steve Vai, ricevendo dunque il definitivo riconoscimento di chitarrista di fama mondiale. Stef descrive quella come una delle esperienze musicali più belle della sua carriera.

Il 2005 segna un ulteriore passo avanti per lo sviluppo artistico del chitarrista californiano: dopo “Swamp tea” (1998), primo album solista di Stef, viene pubblicato “Bayshore road” (Favoured Nations), un lavoro che nasce dalla collaborazione tra Stef ed il chitarrista classico di fama mondiale Peppino D’agostino. Nell’album lo stile elettrico di Stef Burns e quello acustico di D’Agostino si mescolano alla perfezione creando brani a metà tra la fusion e la world music. L’album viene seguito nel 2006 da un tour italiano registrando il tutto esaurito nei principali club nazionali. Nello stesso anno Stef prende parte alle registrazioni del progetto di Mario Riso “Rezophonic”.

Ora, dopo l’ennesimo tour di Vasco Rossi e l’incessante tour americano con Huey Lewis and the News (dal 2000 Stef sostituisce il dimissionario Chris Hayes), Stef Burns è in procinto di uscire con il suo nuovo album “World, Universe, Infinity” (Ultratempo)(2008), un lavoro che preannuncia l’inizio di un nuovo corso nella formidabile carriera del chitarrista americano.

Ottimo sito per saperne di più su Stef Burns:
www.stefburnsfansclub.com

 

BURNS TONE (inseriti da Redazione – 28/10/2008)

– 1991 Fender custom shop strat
(configurazione HSS, Seymour Duncan Jeff Beck e Texas Special)
– Gibson Les Paul Custom Black Beauty
– Buscarini Stef Burns Signature
MARSHALL JCM 900
 _compressore/sustainer BOSS CS-3 _overdrive IBANEZ TS-9 _fulltone fulldrive 2 _boost ADVANCE _tremolo BOSS TR-2 _whammy DIGITECH _Cry Baby 535 JIM DUNLOP _accordatore BOSS TU-2 _pedaliera midi ADA MPC _quadraverb ALESIS
 
 Sulla JCM900 è solito utilizzare treble e presence completamente a zero

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Anonimo

    Non è un chitarrista, è la musica. Grazie Stef per regalarmi gioia con la tua chitarra, sei un grande sia come chitarrista che come uomo, non sai quanto ti stimi.

  • Anonimo

    stef 6 unicoooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!quando suoni mi fai sognare…:):):)un saluo tutti i fans di stef!!!

  • Anonimo

    mi chiamo Bugio…..Stef tecnicamente è un ottimo chitarrista ma è il suo stile che lo rende uno dei migliori e più apprezzato…..inoltre è una persona fantastica, aperta, gentile e disponibile, qualità più uniche che rare ad oggi…..lo dico perchè lo conosciuto e suonicchiato insieme…..

  • Anonimo

    Per me è tra i più completi al momento, grande sound, tecnica fantastica,feeling e possiede una grandissima capacità compositiva. Come dicono tutti è un grande soprattutto come uomo, una persona di rara disponibilità e bontà.

  • Anonimo

    Attualmente per me nessuno è al suo livello, è incredibile ciò che riesce a fare ed è pazzesco il suono che caccia dalla normalissima strumentazione in suo possesso.

  • Anonimo

    Dio sceso in terra!

  • Anonimo

    Quest’ uomo quando suona è capace di trasmettermi delle emozioni irripetibili. Vederlo live è una esperenza unica, la bontà della sua bravura deriva dalla sua bontà d’ animo che si riflette nel suono e in ciò che compone. è inimitabile

  • Anonimo

    Ha uno stile fantastico e una grande capacità compositiva. Pure tecnicamente è estremamente preparato, fa un uso del mignolo pazzesco, ha più forza lui nel mignolo che io in tutte le dita della mano!

  • Anonimo

    È il chitarrista che non ci fosse bisognerebbe inventare,è il mio punto di riferimento,un maestro.

  • Anonimo

    Stef idolo, è un grande, non ho parole per quello che fa

  • Anonimo

    Chitarrista molto completo, è per me tra i migliori in circolazione. Non vedo l’ ora di rivederlo nel nuovo tour!

  • Anonimo

    L’ ho ascoltato per la prima volta al civico 1 di Frosinone: è veramente un grande, è uno dei migliori, ho visto concerti di vari big ( Vai e Satriani su tutti) ma non mi hanno stupito come ha fatto ieri quest’ uomo. Sono stato stregato da Stef! In più è davvero molto simpatico e umilissimo.

  • felixtherock

    avete mai provato a tirare giu un suo solo…ragazzi nn hanno senso….scendono note a fluire d pensiero e di sentimenti…la tecnica che ha e pazzesca e vero…ma quest uomo suona con l anima….grande stef….giovedi saro al tuo concerto al lapsus qui a torino

  • Anonimo

    Ragazzi visitate se volete questo sito e commentate grazie!

  • giuseppe

    L”ho visto per la prima volta da Solista circa 2 anni fa a Stazione Birra Ciampino e li ho capito per quale motivo Vasco lo ha voluto con se ed è ancora il suo Primo Chitarrista!praticamente i Soli li cura quasi tutti lui,ora torniamo alla bella serata a Ciampino, allora mi ha sconvolto la sua facilita nel passare dal lento e fraseggiato Blues al Rock come se fosse niente!poi dopo il concerto una disponibilità che è da pochi mi ha salutato con un bel 5 dedica sul suo ultimo Album e Plettro! tanti Chitarristi noti dovrebbero prendere insegnamento da questa splendida Persona.

  • g

    salve! qualcuno mi sa dire su cosa si basa lo stile di stef? tipi di scale ecc.. e poi mi sapete dire se ha studiato o è un autodidatta? grazie mille in anticipo e stay rock!

  • M.r Napoleone

    incredibilmente il grande Stef il 5 maggio verrà ad Aprilia (LT) dove abito,mamma che culo!!biglietti già presi e concerto che si terrà in una location molto ma molto intima con non più di 100 persone e già sò che sarà una serata da non dimenticare!!.

  • http://lolatoys.com/

    It’s really very complicated in this full of activity life to listen news
    on TV, so I just use internet for that reason, and take the most
    up-to-date information.