Umberto Fiorentino

Chitarrista jazz romano. Molto tecnico. Oltre ad esibirsi con la classica formazione jazz alla quale vede partecipare Roberto Gatto alla batteria, ha militato, in diversi gruppi e cantanti , fra quali Mina. E’ tra i fondatori di “Percentomusica”, struttura didattica romana nella quale ha ricoperto l’incarico di Presidente per due anni, dove milita anche il grande William Stravato. Autore di 4 lavori, come solista e di diversi video didattici per un approcio allo strumento come improvvisare e tecnica. Autore anche di due libri jazz.

  • Anonimo

    E’ stato il mio maestro quando studiavo al saint louis.Grande chitarrista, maestro e uomo.E’ proprio vero che i più grandi sono umili.

  • Anonimo

    Se fosse nato negli Stati Uniti sarebbe uno dei totem mondiali della chitarra moderna.

  • nerkos

    grandissimo mafioso della chitarra…un palazzinaro della musica

  • Francesco

    E’ stato uno dei miei maestri al saint louis a fine anni ottanta.E’ un grande veramente.Mi piacerebbe tanto rivederlo in qualche progetto musicale di sue nuove composizioni.Ma mi rendo conto che l’attività didattica porta via molto tempo. Dai Umberto crea un gruppo micidiale!!!!

  • Santleo

    Tutti stampati veri chitarristi originali che come senti la prima nota capisci che e’ lui ce ne sono pochi tipitipi’ tipita’ brum tipi’ tutti uguali suonano , jim hall pat metyny e altri questi sono per farvi capèire veri chitarristi

  • Santleo

    Con bravura ce ne sono a migliaia un po’ come i pittori che escono dall’accademia tutti fatti con lo stampo.

  • Amleto

    La tecnica c’e’ ma alla fine non dice niente di nuovo e non parliamo poi di zeppetella il jazz deve andare avanti non si puo’ suonare come tutti gli altri vedo che mettete solo commenti di parte e non accettate critiche. se per questo allora guardate il chitarrista stufano gia’ e’ meglio anche se uguale a tanti

  • Allan

    Non e’ il mio maestro, non ho mai avuto la fortuna di incontrarlo, ma possiedo tutti i suoi dischi e lo seguo sin dai tempi dei lingomania. Ho avuto sempre una devozione assoluta per la sua musicalita’ e per il suo stile sempre originale e personalissimo. Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Ha la capacita’ di trasportarti nel suo mondo, ogni sua nota e’ poesia.