Franco Mussida

In Italia un vero e proprio caposcuola. Le sue sonorità inconfondibili contraddistinguono, ormai da 30 anni, il suono della PFM, la più grande band progressive italiana, una delle più grandi d’Europa senza dubbio. Fu lui, insieme ai suoi “soci” della Premiata, ad importare in Italia il sound del rock sinfonico che proveniva da oltre manica, ispirato da gruppi come King Crimson, Yes e Gentle Giant.

Ne è una riprova certa l’ascolto dei primi album targati PFM quali “Storia di un minuto“, “Per un amico” e “L’isola di niente“. Memorabili i momenti in cui, durante i concerti della Premiata, viene lasciato solo al centro del palco armato di chitarra classica.

  • Anonimo

    Non facciamogliene una colpa che non sia troppo spettacolare sul palco. Chitarristi come Robert Fripp e Steve Hackett hanno sempre suonato seduti, e a nessuno è mai importato. Immenso Franco, almeno in Italia nessuno è ai suoi livelli.

  • Anonimo

    Caro Franco,

  • Anonimo

    …e stasera all’Europa auditorium di Bologna ci sarà la PFM che suonerà i pezzi di De Andrè e rispolvererà i suoi pezzi migliori.

  • peppe 76

    nella serata del festival di venerdi a suonare il pezzo del Prof Vecchioni c”erano i PFM con un magistrale assolo del grande Franco ciao a tutti Giuseppe

  • peppe76

    Tanti auguri di buon compleanno al Grande Franco!! 😆