Ruggero Robin

Ruggero Robin nasce a Padova il 29 Aprile del 1962. Chitarrista jazz di tecnica eccelsa acquisisce molto presto un’elevata cultura musicale che gli permette di collaborare ed esibirsi con importanti artisti italiani e internazionali del calibro:
Bruce Gaitsch, Janey Clewer, Joe Diorio, Trilok Gurtu, Enzo Todesco, Alex Acu?, Oskar Cartaya, Marc Jordan, John Patitucci, Marc Quinones, Richie Gajate Garc?, Giulio Capiozzo, Flavio Boltro, Robert Bonisolo, Frank Tontoh, George Acogny, Kavin Davy, Kirk Smart, Thoss Panos, Matt Johnson, Nikolai Bierre, Tony Smith, Ola, Alfredo Paix?, Franco Testa, Elio Rivagli e altri grandi artisti.

1988. Chitarrista di “Le Orme” (Tour italiano)

1989. “Area 2”, di Giulio Capiozzo (Tour italiano)

1991. Ricky Gianco, tour promozionale del disco: “?Rock ‘n Roll”.

1993. Album “Guitar Atmosphere”, Pentaflowers Jazz; nuovo Cd di chitarra acustica con ottime critiche da parte delle riviste specializzate.

1994. Vince la “A.W.F. Competition” (Artist Without Frontiers) come miglior chitarrista, ottenendo un riconoscimento di merito dalla Master School G.I.T. (Guitar Institute Tecnology) ad Hollywood.
Registra a Los Angeles il secondo CD: “Big One”, Prestige Jazz; con Alex Acuna (Weather Report), Oskar Cartaya (Spyro Gyra), Marc Quinones (Tito Puente), Giulio Capiozzo (Area), Enzo Todesco (Gino Vannelli) e altri grandi artisti.
Circa 20.000 copie vendute.
Vince la borsa di studio CEE per arrangiatori e ottiene il primo diploma C.E.T. (Centro Europeo Toscolano) nella scuola di Mogol.
E’ il vincitore di Leffe Music Festival al Rolling Stone di Milano (Videomusic). Ruggero Robin e il suo gruppo accompagnano la cantante Giorgia nel tour promozionale televisivo. (“Jammin'” Italia 1, “Roxy Bar” Videomusic).

1995. Prende parte come chitarrista alla produzione dei due album di Andrea Bocelli: “Andrea Bocelli” e “Romanza”, complessivamente circa 40 milioni di copie vendute.

1997. Registra l’album “Viceversa” per la Prestige Jazz.

1998. Arrangia e scrive “Ti lascio una parola goodbye” con Diego Pigozzo per i Nomadi, entrando nella “hit-list” con due “dischi di platino” (200.000 copie vendute).

1999. Suona con il suo Trio nei pi?famosi locali di Londra ottenendo un riscontro pi?che positivo.

2000. Produce e arrangia il gruppo Sinergia vincendo il Telegatto di TV Sorrisi e Canzoni al Sanremo Rock festival trasmesso da Rai 1. Arrangia e produce, in versione acustica, la famosa la canzone “L’astronauta” di Federico Strag?per Studio Lead distribuita da Sony Music. Scrive le canzoni “Dove sei” e “Certo che puoi”, dall’album “Liberi di volare” dei Nomadi (140.000 copie vendute).

2001. Apre il proprio studio di registrazione: “Bat Cave Studios” e continua a collaborare in numerose produzioni internazionali come arrangiatore, produttore e compositore. Riceve, al “Rimini live festival”, il premio del Resto del Carlino per l?impegno dimostrato nella promozione di giovani artisti.
Arrangia e produce, in collaborazione con Roby Facini, “Storie di tutti i giorni” per Riccardo Fogli; la canzone ?stata creata in un?inedita versione per il mercato latino americano.

2002. Ruggero Robin, in collaborazione con Bruce Gaitsch, ?presente in “Guitar for freedom II”; splendida compilation a doppio cd con i migliori chitarristi del mondo: Jimmy Page, Jeff Beck, Andy Summers, Carlos Santana, Mick Ronson, Allan Holdsworth e molti altri. Questa compilation ?stata prodotta per i famigliari delle vittime dell’11 Settembre.
Collabora e suona con numerosi artisti di musica leggera come: Zucchero, Nomadi, Strag? Bobby Solo, Riccardo Fogli e molti altri giovani talenti della scena “pop” italiana.
Inizia il progetto per la registrazione del suo ultimo album: “Everyday magic”; produzione internazionale in collaborazione con il Frantic Studios di Nashville (USA), Umbi studios di Rovigo e il Bat Cave Studios.

2003. Conclude il grande lavoro per il suo ultimo album: “Everyday magic”; partecipano e collaborano alla realizzazione del disco: Bruce Gaitsch, Janey Clewer, Marc Jordan, John Patitucci, Paulinho Da Costa, Maurice Ravalico e la London Philharmonic Orchestra.

Sempre accompagnato dai pi?importanti artisti della scena jazz internazionale, Ruggero Robin offre un repertorio originale composto nei suoi Cds:
Everyday magic (2003 available for licensing )
Vice Versa (Prestige Jazz 1998)
Big One (Prestige Jazz 1994)
Guitar Atmosphere (Pentaflower Jazz 1993)

  • Anonimo

    ruggero robin è davvero un grande musicista – artista, è un chitarrista formidabile, con tecnica straordinaria….oltre ad essere un grande musicista è una bellissima persona e, come tutti i grandi, molta umiltà e disponibilità….io avuto il privilegio di suonare e cantare con lui in un gruppo che avevamo molti anni fa a padova e mi onoro della sua amicizia…. ciao da paolo

  • Serena

    un orgoglio italiano all’estero… a livelli stratosferici grande ruggero!!