Greg Howe

Virtuoso della chitarra nato artisticamente alla fine degli anni 80, Greg Howe si distacca dalla scia neoclassica post Yngwie Malmsteen per approdare ad uno stile maggiormente legato al jazz elettrico ed al rock-fusion.

Scoperto da Mike Varney (vero “cacciatore” di grandi chitarristi) incide il suo primo disco per la Shrapnel Records nel 1988. Il disco si intitola “Greg Howe” e mostra da subito le doti e le qualità tecniche del chitarrista americano.

Con il disco “introspection” ed i dischi a seguire, dal 1993 in poi si sposta verso un genere più orientato alla fusion.

Negli ultimi anni Greg Howe è stato in tour con Michael Jackson, Enrique Inglesias e Nù Syns, affincando quindi alla carriera solista collaborazioni con grandi artisti come sideman.

Grag Howe è un chitarrista veramente notevole, in grado di esprimersi ad altissimi livelli su ogni registro. Nel suo playing si sentono gli echi di Scott henderson, dell’Allan Holdsworth degli anni 80 e di altri grandi chitarristi suoi coetanei quali Brett Garsed ed Andy Timmons.

Il suo stile appare comunque molto originale così come le capacità compositive, sempre a livelli molto elevati e mai scontate.

…Redazione

Greg Howe riesce a coniugare una tecnica chitarristica spaventosa con un groove bluesy che “t’attacca al muro”.

Il suo background musicale e legato alla scena musicale degli 80’s e in particolare a Van Halen, ma la sua crescita artistica è di tutto rispetto.Il suo primo album semplicemente intitolato “Greg Howe” esce nel 1988 e lo vede accanto a David Lee Roth, Bill Sheehan e Atma Anur.

Un inizio di tutto rispetto che deline quelle che poi saranno le sue atmosfere musicali predilette: jazz, rock, fusion, funk, and blues. Le sue collaborazioni spaziano dal pop di Enrique Iglesias, Justine Timberlake e NSYNC a quello del grande Michael Jackson, con cui collabora nel 1996 nel mitico History Tour in Europa.

Ultimo prodotto delle fatiche del chitarrista è “Extraction” che certo non delude le aspettative: atmosfere Rock-Fusion saldamente attaccate ad un feel Bluesy(quasi Bebop)in quest’album ascoltiamo un trio niente male. Greg suona accanto a Victor Wooten (bassista dei Flecktone, e dei Vital tech Tone di Scott Henderson) e Dennis Chambers (batterista dei Parliament Funkadelics, di John Scofield, dei Brecker Brothers e attualmente di Santana). Il risultato decisamente sorprendente. Un lavoro che dimostra la maturità di un chitarrista a 360 gradi. Spettacolo!!!

…Slow Funk Man

GREG HOWE’s TONE  (inserito da Donatello Bitondo – 11/04/2007)

ESP CUSTOM GUITAR

CORNFORD MK 50 HEAD RIDUTTORE DI POTENZA THD
 BB PEDAL PREAMP DELAY STOMP BOSS
 CABINET CORNFORD
 Greg howe usa ampli Cornford come anche Guthrie Govan

 

 

 

 

 

 

Forse potrebbero interessarti anche:

33 Comments

  1. se criticate un genio chitarristico della chitarra fusion rock come greg howe , mi sa che non avete capito una ceppa di niente di musica. Giocate alla play station ! Fate più figura! Ascoltate uno che la chitarra la suona da una vita ( 30 anni )! :angry:

  2. Davvero originale come chitarrista. Ha una sonorità tutta sua, e un gusto musicale particolare. Completo e preciso, suona con naturalezza e non disgusta influenze rock e classiche. Erede di Van Halen? Non è questa la giusta definizione, diciamo che usa la stessa tecnica in modo diverso e personale : le “two-handed things” (guardate i suoi Hot Licks per capire) sono un elemento fondamentale del suo modo di suonare.

  3. l’ultima novità in casa funk fusion metal.Che dire, in lui sono racchiuse le tecniche di holdsworth e gambale ai massimi livelli e con un gusto perrsonale.Ha uno stilepersonale e riconoscibile alla prima nota.Anche a velocità ultrasoniche riesce a fare musica e non scale.Grande tempismo e ritmo, riesce ad usare tutte letecniche:vibrato tocco, leva legato tapping plettrate e sweep picking con la stessa intensità riuscendo a suonare musica ai massimi livelli.

  4. peccato sia poco conosciuto. secondo me uno dei migliori (oltre ad uno dei miei preferiti). se state ancora leggendo state solo perdendo tempo. andate ad ascoltarvelo immediatamente…

  5. assolutamente uno fra i più eclettici chitarristi che io abbia mai ascoltato!!! completo, sa essere melodico e virtuoso al momento giusto…GRANDE GREG

  6. Il migliore kitarrista fusion-rock ke io conosco!!!!!!!!!! Solo il mitico Tafolla e Govan riescono a tenergli testa…..immenso il solo di jump start (ascoltare x credere)

  7. su greg si potrebbero spendere centinaia di parole per descriverlo o nemmeno una. all’inizio ti incute paura e si rimane senza parole… poi lo capisci e rimani ancor piu senza parole. Greg non ha limiti… può suonare qualsiasi cosa ai più alti livelli. Uno tra i migliori

Lascia un commento