Paul Gilbert

{jathumbnail off}

 

La terza Monografia di GuitarList è dedicata ad un grandissimo virtuoso dei nostri tempi: Mr. Paul Gilbert

 


BIOGRAFIA 

All’anagrafe: Paul Brandon Gilbert, Carbon dale, Illinois, 6 Novembre 1966

Vive a Pittsburgh fino a 17 anni. Si interessa alla musica grazie alle influenze avute dai genitori
sin dall’età di 5 anni. Proprio a 5 anni riceve la prima chitarra giocattolo dai suoi genitori.

Inizia a suonare nel 1971 ascoltando i grandi dell’hard rock come LED ZEPPELIN,
KISS, AEROSMITH, HEART e, soprattutto, VAN HALEN.

All’età di 15 anni invia a Mike Varney (il presidente dell’etichetta “Shrapnel”) il suo primo demo tape, che
colpì molto Varney ma che non ebbe immediato seguito discografico.

Dopo il diploma si sposta a Los Angeles per frequentare il G.I.T (Guitar Institute of technology), dove si diploma e diventa insegnante.

Nel 1985 forma la sua prima band (“Electric Fence”) e nel 1986 la seconda, e ben più importante, i RACER X.

Nel 1988 abbandona i RACER X e nel 1989 entra nei MR.BIG, con cui registrerà 5 album (con parecchi hits, come ad.es.”To be with you”) e diventa un chitarrista di fama mondiale.

Nel 1996 esce definitivamente dai MR.BIG (dove arriverà Richie Kotzen) e nel 1997 pubblica il suo primo album solista (“KING OF CLUBS”). Nel 1998 inizia il suo primo solo tour. Nel 1999 rinascono i RACER X.

Dal 1999 in poi Paul Gilbert si dedica proficuamente all’attività solistica, pubblicando in tutto 12 lavori.

Nel 2006 ha pubblicato il suo primo album completamente strumentale, Get Out Of My Yard

Nel 2007 partecipa al G3 con Joe Satriani e John Petrucci,  chitarrista dei Dream Theater.

Nel 2008 esce il suo nuovo disco completamente strumentale, “Silence Followed By A Deafening Roar”

Sempre nel 2007 si sposa con la pianista giapponese EMI

 


PG’s TONE

 

Ha inventato la Ibanez PGM, che è attualmente in commercio. Recentemente è uscita la PGM301 che presenta il ponte fisso al posto del precedente (che era floating). Utilizza inoltre una Ibanez Iceman reverse, Ibanez Flying Vee e PGM double neck.

negli anni 80 ADA MP1 e finali Metaltronics
In seguito Laney e recentemente Marshall, di cui utilizza esclusivamente il canale distorto.

PG ha sempre utilizzato pochissimi effetti tra i quali WahWah (dunlop 535Q), BOSS Super Chorus, MXR Phase 90 e EH Electric Mistress, Boss DD3 nel Send Return dell’ampli
Corde Ernie Ball 0.09/0.42 per le PGM e 0.10/0.46 sulle vintage
Negli anni 80 aveva usato un trapano Makita sul cui mandrino erano stati montati dei plettri. Si può sentirlo in azione nel brano “Daddy, Brother, Lover, Little Boy” (The Electric Drill Song), dall’album Lean into It dei MR.BIG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GEARS

 





DISCOGRAFIA

Racer X

 

1986 – Street Lethal
1988 – Second Heat
1988 – Live Extreme, Volume 1
1992 – Live Extreme, Volume 2
2000 – Technical Difficulties
2001 – Superheroes
2002 – Snowball of Doom
2002 – Getting Heavier
2002 – Snowball of Doom 2

Mr. Big
1989 – Mr. Big
1990 – Raw Like Sushi
1991 – Lean Into It
1992 – Raw Like Sushi II
1993 – Bump Ahead
1994 – Japandemonium: Raw Like Sushi 3
1996 – Channel V at the Hard Rock Live
1996 – Hey Man
1996 – Big Bigger Biggest: Greatest Hits
2000 – Deep Cuts

Solo 
1991 – Tribute to Jimi Hendrix (EP)
1998 – King of Clubs
1998 – Flying Dog
1999 – Beehive Live
2000 – Alligator Farm
2002 – Burning Organ
2003 – Paul the Young Dude/The Best of Paul Gilbert
2003 – Gilbert Hotel
2003 – Acoustic Samurai
2005 – Space Ship One
2006 – Get Out Of My Yard
2008 – Silence Followed By A Deafening Roar

VIDEO DIDATTICI


1991 – Terrifying Guitar Trip (VHS)
1992 – Intense Rock – Sequences & Techniques (VHS)
1992 – Intense Rock II (VHS)
2001 – Eleven Thousand Notes (DVD)
2003 – One Night in New York City – Yellow Matter Custard
2004 – Guitar Wars (DVD)
2005 – Space Ship Live (DVD)
2006 – Complete Intense Rock (DVD)
2006 – Guitars from Mars I (classical) (edizione giapponese in DVD del video didattico)
2006 – Guitars from Mars II (rock) (edizione giapponese in DVD del video didattico)
2006 – Terrifying Guitar Trip (DVD)
2006 – Two Nights In North America – Hammer of the Gods
2006 – One Night in Chicago – Cygnus and the Sea Monsters
2007 – Get Out of My Yard Instructional (DVD)
2007 – Get Out of My City Instructional (DVD/VCD)
2007 – One Night in New York City – Amazing Journey
2008 – Silence Followed By A Deafening Roar Guitar Instructional DVD

 


 

STILE E TECNICA 

Paul Gilbert è noto in tutto il mondo per essere un virtuoso assoltamente straordinario e per certi versi inavvicinabile.

Da sempre uno dei maestri indiscussi della plettrata alternata, tecnica che ha portato a livelli stratosferici, durante la sua lunga carriera ha saputo fare evolvere il suo approccio tecnico dall’iniziale orientamento neoclassico ad uno stile più complesso e completo dove appaiono anche il tapping, il legato, lo string-skipping e lo sweep picking.

Un elemento che ha reso ha influito molto sul virtuosismo di Gilbert è l’estremo rigore nell’esecuzione di scale, arpeggi, bending ec..La chitarra di Gilbert è sempre chiaramente udibile anche in contesti musicali molto “densi” o nel caso di esecuzioni molto veloci. L’impostazione della mano destra da sola è così potente da potere “bucare” qualsiasi mix.

Lo stile chitarristico di Paul Gilbert è diventato molto più orientato alla melodia con l’ausilio di bending assolutamente espressivi e intrecci delle varie tecniche volti esclusivamente a raggiungere la “musicalità”.

Altro aspetto molto importante nell’approccio di Paul Gilbert alla chitarra elettrica è sicuramente il suono. Da sempre molto ruvido e netto, senza l’ausilio di chissà quali effetti e molto “naturale” è allo stesso tempo teso, preciso e perfettamente riconoscibile in qualsiasi contesto.


CURIOSITA’

– E’ alto 193 cm

– E’ per metà Polacco

– Ha una moglie giapponese di nome Emi

– Ha vissuto a Las Vegas per molti anni

– E’ noto per avere un senso dell’umorismo piuttosto inusuale

– Possiede circa 100 chitarre

– Ha registrato una cover della canzone delle Spice Girls “2 Become 1”

– Ha suonato nel disco “Out of the Sun”, di joey Tafolla, che è stato suo allievo

– Viking Kong e Y.R.O (Yngwie Rip Off) sono state dedicate a Yngwie Malmsteen


 

VIDEO


 

admin

95 Comments

  1. E’un grande, velocissimo,tecnico,espressivo,è il mio secondo chitarrista preferito…il primo è ovviamente Marty Friedman(e non capisco come non ci sia il suo profilo in qusto sito…consiglio!!)

  2. è un bravo chitarrista ma nn è il migliore …. ovviamente il miglior chitarrista del mondo che batte tutti è Yngwie Malmsteen…

  3. un grande!forse l’unico che mi fa veramente arrapare quando usa lo sweep e che mi ha dato la voglia d imparare a suonare veramente la chitarra!

  4. eccoci davnti ad un altro mostro della chitarra…mr big…racer x…lavori solisti hanno fatto capire che non è assolutamente un chitarrista da sottovalutare…attenti tutti…il suono della chitarra di paul gilbert potrà spazzarvi via tutti…genio!…

  5. paul gilbert è uno dei piu’ mostruosi chitarristi che abbia mai ascoltato.ed oltre a questo vi consiglio di andare sul suo sito,è un pazzo,vi farà morire dal ridere.

  6. inanzitutto c’è da dire che paul gilbert è un fenomeno delle 6-7 corde.unisce tecnica con un incredibile velocià.è 1 dei miei chitarristi preferiti insieme a john petrucci,steve vai,joe satriani e kirk hammett.

  7. Il mio preferito in assoluto. Innanzitutto, per chi ha scritto che il migliore è Malmsteen… sbaglia!!! Il buon Gilbert gli sta sopra di un bel po sia a tecnica, sia come persona. Niente da dire: ottima tecnica, ottimo feeling, ottimo bluesman,… per la serie: la chitarra si suona così, guardare e imparare.

  8. Paul gilbert ha una velocita’ pazzesca ed oltre ad essere un virtuoso della chitarra e’ anche un ottimo show-men. Un grande

  9. Veramente un mostro ma vorrei dire a fabio ke sicuramente come persona Paul sarà meglio di Yngwie ma in quanto a tecnica è INSUPERABILE, gli unici ke si avvicinano di + a lui sono Jason Becker e Vinnie Moore (se nn sapete ki è, presto ci sarà il suo profilo scritto dal sottoscritto).

  10. Davvero impressionante, ma non oserei mai dire che supera l’insuperabile Jason Becker…

  11. Bhe, che dire… E’ impressionante vedere la facilità e la disinvoltura con le quali sto ragazzo fa godere la chitarra e le orecchie di chi lo ascolta. Impeccabile in quanto a tecnica, una vera goduria da vedere dal vivo (guardatevi il live Snowball of Doom, at Whiskey).

  12. chi non l’avesse ancora fatto ascolti il suo assolo sull’album “japandemonium” e poi fatemi sapere dopo esservi ripresi dallo shock.

  13. Grandissimo, uno dei chitarristi ke amo di più, forse uno dei più veloci di tutti i tempi, nel genere neoclassico inferiore solo a Jason becker secondo me.. Leggendario!

  14. …che dire!!è il massimo!!genio e tecnica allo stato puro!!…per favore,non dite che tecnicamente è inferiore a malmsteen(anche lui un grandissimo) perchè semplicemente non è vero…anche se questi discorsi lasciano un po’il tempo che trovano, paul è molto più preciso e pulito dell’axeman svedese(che,ripeto,rimane comunque un chitarrista eccezionale), soprattutto in plettrata alternata…mitico paul gilbert!!

  15. Paul è un grande, un chitarrista eccezionale ed una persona splendida.

  16. grande grandissimo chitarrista lo apprezzo e lo seguo molto ma la personalita l impatto lo stile e il repertorio che ha yngwie non fa parte di lui.cmq e grandissimo

  17. Si, è bravo, e velocissimo, ma bisogna anche dire che il suo mignolo sinistro(che usa spessissimo) è come un medio di uno normale!!! Così non vale eh!

  18. Grande chitarrista,il mio preferito tra le nuove leve,anche se devo dire che c’è sempre qualcuno che lo paragona a malmsteen,ma la smettete di parlare nn del re della chitarra ma del re della zappa.insomma Paul è un grande perche sa suonare tutto congrande semplicita.

  19. E’vero Paul è una scheggia!!! Ma vi assicuro che alle clinics ha più volte dimostrato di avere un tocco soft da paura!!!!!! Ascoltatevi bene i pezzi dei Mr Big: come non essere mai banale anche facendo 3 note!!

  20. plettratore! legati,string skipping,tocco, vibrato, e tanta musicalita’ unita alla sua grande tecnica.

  21. Lo conoscevo solo per fama, ma da due anni a questa parte ascolto quasi esclusi vamente Mr.Big. E se è vero che non si può suonare tutto, nè si può imparare tutto, credo che prenderò come modello di riferimento Paul: grande suono,Plettrata a dir poco…Perfetta, veloce da far paura a malmsteen e pulito (pulito, non come malmsteen), mai banale , melodico e come artista direi uno dei più completi: Trovateme un altro che sappia suonare così bene blues, metal, rock…Sapere suonare come Gilbert significa saper suonare quasi tutto. Un profeta

  22. Senza dubbio è un grande ma quel album Acoustic Samurai se lo poteva risparmiare.

  23. Gilbert è bravissimo,Malmsteen è troppo convinto(nn penso che sarebbe capace di improvvisare un funky sedutastante oppure un jazz…)Dimebag Darrel era troppo onesto per essere capito da tutti…E cmq Dimebag e Zkk Wylde stavano organizzando una sorta di G3 invitando Gilbert e Alexi Lahio…Peccato..

  24. non si può morire senza aver sentito (visto) guitar wars e soprattutto il duetto bettencourt-gilbert in Viking kong. inoltre il suo sito curato personalmente da lui da la possibilità di parlare direttamente con questo mostro sacro che a quanto pare non se la tira per niente. se solo venisse in italia!!!

  25. forse il chitarrista piu’ tecnico del pianeta…la perfezione della sua mano sinistra..per non parlare della destra…incredibile il movimento del polso con avambraccio immobile..e’ uno dei miei preferiti anche se un po’ limitato come genere se paragonato a greg howe, richie kotzen ect..

  26. virtuoso chitarrista, nei suoi show fa divertire il pubblico facendo il pagliaccio. secondo uno dei più grandi cchitarristi di tutti i tempi, perchè sa fare di tutto.Andate a visitare il suo sito perchè vi farà morire dalle risate

  27. la sua plettrata insieme a quella di janick gers e steve morse è la migliore del mondo. è l’ unico che non ha bisogno di fare il legato, perchè il classico flusso di note gli riesce bene anche senza

  28. Ho ascoltato molti suoi lavori con i mr.big ed i racer-x ma purtroppo a me non ha trasmesso nulla..intendiamoci però eh..ha un’alternata che forse solo petrucci riesce a raggiungere!!!Già da giovanissimo insegnava musica(all’inizio non riusciva neppure ad imparere tant’è vero che abbandonò per un periodo la chitarra per poi riprendere!)..Ma in quanto a musicalità,è come se a volte,con una sua scala superveloce,tenda a lacunare i vuoti di melodia!

  29. Paul…mitico unico inimitabile, purtroppo per lui l’unica cosa che lo supera è il suo ego, causa di non pochi problemi, però puo vantare di essere al pari dei migliori chitarristi della terra…Grandissimo plettratore, la sua plettrata si riconosce a chilometri di distanza, immancabile la sua MEGA-impronta rock nel suo stile,altra cosa che lo distingue…ROCK YOR SELF!!

  30. Chi paragona gilbert a malmsteen è un ignorante … Paul si mangia malmsteen a colazione è ora di finirla di pompare sto

  31. caro alessandro, se conosci bene il tuo idolo ( paul gilbert), dovresti sapere che pensa lui del chitarrista panzone(yngwie malmsteen), se hai letto sue interviste e conosci bene la produzione di gilbert a cominciare da Y.R.O ( Yngwie Rip Off, cioè rubata ad Yngwie) scoprirai che lui ammira molto lo svedese e si è ispirato mooooltissimo a lui nel suo modo di suonare. poi vogliamo dire che plettra più velocemente di yngwie? e chi se ne frega! onore a paul gilbert, ma onestamente molti guitar hero della nuova generazione devono molto al panzone svedese e gilbert questo lo riconosce

  32. Paul è un grande!!! è veloce come pochi ha una plettrata pazzesca. Certo il suo mignolo che usa tantissimo è un dono di madre natura di quant’è lungo!!! ma lui è un grande lo stesso, in questo momento secondo me è il migliore in attività.

  33. io suono la chitarra da due annetti…..fino a qualche mese fa ascoltavo solo deep purple e hendrix (a cui tutti voi dovreste inchinarvi)….ma da quando ho scoperto i racer x….ho cambiato stile e interessi….lavoro tantissimo sulla pennata (picking outside come gilbert….fortunatamente mi viene già di mio)tapping sweep ecc..ecc….basta ascoltare frenzy del primo disco dei racer x (street lethal) per sentire che gilbert aveva una vera e propria adorazione per malmsteen…e aveva solo 17 anni!!!prima di tutto bisogna dire che la plettrata alternata di gilbert va a 160…ma ci sono alcuni che vanno a 190 questo me l’ha confermato il mio maestro che è stato un suo allievo in america….gilbert…è sicuramente incredibile…riff fichissimi e soli tecnicissimi ma comunque abbastanza melodici…uno dei più grandi chitarristi dal punto di vista tecnico….nn c’è dubbio….ma il più grande chitarrista in assoluto è JIMI HENDRIX…..io ho 16 anni e permettete di jimi so tanto ho anche 4 sue biografie…..nessuno si è mai espresso come lui….nessuno è sensibile come lui…e solo un coglione può permettersi di dire che è uno schifo….è come paolo meneguzzi che critica la callas…..quindi potete dire tutto quello che volete…grande darrel….grande blackmore….vai…satriani…petrucci.wylde…rendy rhoads….page….henderson…scofield….clapton….hammet…landau…malmsteen……ecc…tante bestie chi più chi meno…chi bluesman chi metallaro……(dimenticavo van halen)

  34. nn ci sn parole paul è insuperabile di tecnica e di…tutto grazie paul!!!!!

  35. Bravo,non c’è che dire.Però non lo saprei vedere fuori dal settore Hard-Heavy..il che, a mio giudizio,lo rende un po’ stucchevole e limitato rispetto ad altri chitarristi più eclettici musicalmente.Rimane il miglior chitarrista hard rock insieme a Morse a Van halen.

  36. Leggo ora la risposta di giotto bhe il mio discorso era tecnico secondo me tecnicamente parlando Paul Gilbert “mangia” YngwiePanza (lo dico io non lui)

  37. ho 14 anni e suono ank’io la chitarra da 2 anni e di paul gilbert ho sentito ben poco, ma ha incominciato a piacermi subito. ho incominciato a cercare cose su di lui quando ho trovato per terra un plettro della ibanez con la sua firma per terra e ho chiesto al mio maestro di farmelo sentire. mi piace tantissimo e ha una voce da paura (mai quanto il suo modo di suonare of course) spero di diventare brava come lui e il mio idolo JIMI HENDRIX. largo alle donne nell’hard rock!

  38. Premesso che non sono amante dei virtuosi e non conosco bene Malmsteen e Gilbert, devo dire che da quello che ho sentito vince Gilbert alla grande….soprattutto nella pulizia!!! Ho sentito una cover di Burn(Deep purple) in cui il chitarrista dei Mr Big fa veramente delle prodezze con una distorsione leggerissima….non so se qualcuno ha mai sentito come suona l’acustica Malmsteen…Ciao

  39. ciao a tutti!premetto che gilbert è uno dei miei guitar hero preferiti ma la cover di burn dei deep purple( è vero che i mr.big hanno fatto la cover)ma gilbert nn c’era più perchè ha avuto dei dissensi con il cantante l’assolo pauroso che si sente è di Richie Kotzen che è un metallaro che ha deciso di passare dall’ibanez alla fender e(penso)che la distorsione leggera che si sente sotto è data dal fatto che utilizza un single-coil al ponte

  40. Bhe’su Gilbert, c’e’ parecchio da dire, nn e’ il mio genere che prediligo, ma e’ un vero mostro, penso uno dei migliori degli ultimi 20, tecnicamente non distante dall’ ultra adorato Malmstein…

  41. è UN MITO IO DEVO METà DELLA MIA BRAVURA A LUI CHE MI HA INSEGNATO LA MAGGIOR PARTE DELLE COSE

  42. è UN MITO IO DEVO METà DELLA MIA BRAVURA A LUI CHE MI HA INSEGNATO LA MAGGIOR PARTE DELLE COSE IL SUO STILE è UNICO ED INIMITABILE RIMARRà NELLA STORIA

  43. in plettrata insieme a morse e il migliore,mi piace molto anche il suo modo di creara riff devastanti,tecnicamente tra i 5 migliori comparsi sulla scena negli ultimi 20 anni,e un po narcisista pero e alla lunga stanca

  44. Sono sempre più convinto che è una mente malata ma allo stesso tempo geniale!

  45. L’ho visto ieri sera dal vivo a Stazione Birra (Roma).Mostruoso.Parlando della tecnica mi ha davvero impressionato,non solo per la nota velocità e pulizia,ma anche per altre particolarità della sua tecnica:l’impostazione della mano perfetta,la diteggiatura (usa indice-anulare-mignolo anche intorno al ventesimo tasto..strettissimo!).un altra cosa che m’ha colpito è il fatto che non usa assolutamente reverbero,il suono è secco,diretto..e una tale sonorità esige una precisione al 100 per 100..

  46. L’ho visto ieri a stazione birra…MOSTRUOSO!!!! non solo come plettratore..INARRIVABILE

  47. Riecheggia un po’ malmsteen, però è più melodico,ha più gusto,non fa molto uso di sweep,interessante…..ma è meglio che lo ascolti ancora per considerarlo nella sua completezza….comunque bravo, anzi…più che bravo….ciao a tutti!

  48. a mio avviso un dei migliori chitarristi di tutti i tempi.tecnica ineccepibile,gusto superlativo.fraseggio mai ripetivo,tocco blues,rock,hard rock assoluto..paul gilbert un vero genio della sei corde!!!

  49. pur essendo un grande estimatore di yngwie malmsteen volevo dire che esso nn e’affatto superiore tecnicamente a paul gilbert.Paul plettra a mio avviso oltre che piu’ forte(o tanto quanto) in cose molto piu’ difficili(tipo sestine a 150 tacche di metronomo sui salti di corda)cosa che malmsteen neppure ha mai provato,almeno live.Di tapping malmsteen e’ quasi bianco,paul gilbert ha dimostrato di saper fare tapping originali i difficili da eseguire.Cm legato di espressione gilbert e’ superiore perche malmsteen e’ esclusivamente un plettratore..l’unico punto di equilibrio e’ forse lo sweep dove sia malmsteen che paul sn ineccepibili.Premettendo inoltre che malmsteen da almeno 15 anni si e’ fossilizzato nell’esecuzione meramente tecnica di scale minori e fraseggi ripetitivi stile riciclo del riciclo..nn si e’ evoluto!!!io adoro malmsteen ma se paragonato a un genio cm gilbert l’obbiettivita’ e’ dovuta…

  50. Adoro Gilbert, Fantascientifico chitarrista e gran personaggio..

  51. paul gilbert è decisamente il migliore tra i chitarristi nel MONDO… certo.. anche gli altri nn sono da meno! ma la sua pulizia, la sua tecnica nelle scale, box, cromatismi.. è sensa dubbio la migliore.. basti vedere delle composizioni con i racer X come King Of Monster o scarified, oppure anche nei suoi dischi.. come get out of my yard (completamente strumentale).

  52. Paul Gilbert… un nome una garanzia, semplicemente il migliore, il primo della lista è lui, e poi tutti gli altri ultimo della lista quel grassone obeso di malmsteen…

  53. Che classe, lui è il chitarrista Rock per eccellenza, quando suona sembra che abbia lo spirito stesso del Rock nelle dita!

  54. Vedo che l’ignoranza pervade nel Malmsteen!!! Sapete solo criticare e basta!!! Malmsteen & Paul sono grandi uguali perchè a differenza di altri loro suonano con la passione che gli esce da tutti i pori… e non solo loro 2, anche se i chitarristi così sono veramente pochi… gli altri sono solo macchinette:-), ma meglio così… A BUON INTENDITORE POCHE PAROLE 😉

  55. bravo. maledettamente bravo e un tantino svitatello. questo chitarrista è un cocktail di idee e tecnica veramente esplosivo.

  56. acusate il disturbo.. volevo solo rispondaere un pò in ritardo a giuseppe: malmteen usa il tapping in in maniera eccellente( l’ho visto dal vivo) non lo usa mai per una scelta : un’ividia(o chiamatela competizione)verso eddie van halen, mentre invece paul ne è sempre stato un estimatore.

  57. …be che dire …veramente il chitarrista piu’ tecnico e bravo che esista…il bello di questo chitarrista e’ che non vanta soltanto di una tecnica unica, ma il suo tocco (veramente preciso e deciso e caldo) ti fa’ capire che e’ anche pieno di gusto, oltre che alla classica tecnica della pennata alternata….varamente “CON TANTO DI CAPELLO”

  58. E’ un peccato che non gli venga resa tanta visibilità ad un grande chitarrista come lui.

  59. io mi ispiro a lui per diventare grande per me è il migliore al mondo ma io cercherò a tutti i costi di raggiungerlo se non ci riuscirò e solo perchè è nato con un dono di essere il migliore tra i chitarristi del mondo

  60. Il tipico esempio del chitarrista in grado di suonare ogni cosa..una tecnica perfetta.

  61. Ho una grande stima per questo chitarrista. che non ha inventato nulla se non tecnicamente parlando!!! credo che gli artisti siano altro. però gran suono e spero di sentire il nuovo album del 2008 molto presto

  62. beh..pochi chitarristi hanno inventato davvero qualcosa..Molti li si apprezza per la capacità di trasmettere qualcosa o cmq per il loro stupirci.Gilbert è un grande chitarrista Hard-heavy,forse il piu grande “plettro” della storia.Oltretutto ho sempre sostenuto che abbia un notevole gusto nello Shred,e non si basi esclusivamente su scale.Molti suoi fraseggi sono davvero trascinanti.

  63. PAUL GILBERT, è un grande ma se tutti voi che scrivete in questa pagina avreste capito veramente… la pagina di van halen sarebbe al primo posto, ma non voglio questo….vorrrei dei commenti seri su PAUL…

  64. antonio, mi sa che non hai capito bene il significato di GRANDE CHITARRISTA: non è raggiungere la bravura di un’altro.. ma quella propria, basata magari su altri ma condita di tuo..è sempre sata una catasrofe inpuntarsi su di un chitarrista.. impara il meglio ma trasformalo…così probabilmente con tantissima fortuna e lavoro diventerai un grande

  65. Davvero bravo,completo e preciso. Non sono espertissimo su di lui, ma credo che il suo genere non sia nè quello dei Mr.Big, nè quello dei suoi lavori solisti. L’essenza di Paul Gilbert è nei Racer X e nei suoi assoli micidiali degli anni 80 , non “alla Malmsteen”, ma addirittura meglio.

  66. edo se sei tu quello che commenta su slash (hai scritto che hai 17 anni) i bending paul li ha imparati a fare che ancora i tuoi non pensavano nemmeno a concepirti. vedere per credere. dal vivo, si intende….

  67. 6 straordinario!!!ogni volta k guardo 1 dei tuoi video mi emoziono sempre di più… spero k quando sarò il miglior chitarrista del mondo potremmo sfidarci…. ricordati il mio nome

  68. Paul gilbert in quello che ha fatto è stato unico,è riuscito dal nulla ad emergere per poi sfondare prima con i Racer x poi in seguito nei mr. big dove ha fatto la storia!

  69. Un tecnico impressionante, ho sempre pensato che ha anche un fisiologia di mani e polsi molto adatta a fare quelle cose. Però sa fare anche il blues, e con i mr big ha sfoggiato un buon gusto molto apprezzabile. ciao

  70. splendido chitarrista, tra i miei preferiti, con molte esperinze dietro le spalle, propro un grande

  71. [b]Burt Bacharach[/b] era a Sanremo 2009 con Karima (che brava!!). Pure il nostro Guitar Hero ha suonato un brano di Bacharach nel suo ultimo CD, “I Still Have That Other Girl”, lo sentite qui:

  72. nei video a differenza di molti che fingono di insegnare nell’incofessata speranza di preservare il segretuccio, lui ce la mette proprio tutta per farti capire. e poi ha proprio la faccia allegra, non ultra incazzata e si sente quando suona. Ai vari G3 fa spavento con il sorriso nelle labbra senza desiderio di stupire, tanto stupisce comunque.. ce ne fossero..
    p.s.. Malmsteen non centra proprio nulla.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *