Ik Multimedia, ovvero il setup professionale più leggero che abbia mai avuto!

Come ogni bravo chitarrista che si rispetti, sempre alla ricerca del sacro graal del suono, ho sperimentato vari tipi di setup. I rack frigo degli anni 80, pedali e ampli vari, multistomp, varie robe a modelli fisici. Ma ho sempre avuto il desiderio, e talvolta la necessità, di miniaturizzare!!! Già negli anni 90 usavo, con una certa soddisfazione, lo Zoom 9002.

Poi la svolta software!!! E vai con i primi software di emulazione, i primissimi Amplitube e Guitar Rig, fino ad arrivare ad oggi, grazie a IK Multimedia felice sperimentatore di Amplitube nella sua versione 4.0/Max.

Da anni sperimento e provo le soluzioni di IK, sia Software che hardware. Penso di essere arrivato ad un’ottima sintesi con l’attuale setup:

Guitar–>Stealth Pedal–>Amplitube–>iloud (o cuffie)

Tutto piccolo e trasportabile, portatile e a batteria! In meno di uno zainetto ci sta tutto. In casa sta tutto sulla scrivania. Con molta discrezione!

Amplitube Max funziona molto bene! L’architettura è a 64bit, lo uso con un PC Core i5 e Windows 10. La Cpu lavora mediamente intorno al 30/40%.

La dotazione di amp e pedali è davvero notevole, le emulazioni sempre più convincenti, la risposta al tocco sempre più precisa, ottima la dinamica. Oltre ai già noti Fender, Jimi Hendrix e Slash, nell’edizione 4.0 troviamo anche i migliori amp Fender, Marshall (il mitico red pig e perfino il jmp-1) Mesa Boogie, Engl, Orange, Zveck. Tantissimi pedali tra i quali spiccano Wampler, T-Rex,  Zvek e molti altri. Ottima la sezione recording e molto divertente la sezione loop, con possibilità di registrare e combinare fino a quattro diverse registrazioni. Lo Stealth pedal porta con se la comodità dei controlli sul pedale, ottimi per interagire con i pedali e il looper. Iloud può ovviamente essere sostituito con altro impianto stereo, PA o finale+cab. Io talvolta con Marshall 8008 e cassa Mesa Boogie 1*12 avanzati dal rack frigo 🙂

Amplitube è un’ottima soluzione anche sul fronte studio, con suoni di qualità sempre migliore. Rispetto alle versioni precedenti il salto di qualità è notevole. Lavorando un po’ sui preset di fabbrica, si riescono ad ottenere suoni davvero molto realistici, con ottime dinamiche e ambientazioni. Siamo ad un salto di qualità notevole. Hardware permettendo, Amplitube è pronto a mio avviso anche per situazioni live!

Per chi deve fare i conti con lo spazio, i condomini, i familiari durante le jam notturne e desidera un’ottima portabilità, sicuramente un setup che consiglio molto!!

Vi lascio con alcune tracce registrate con il mio rig casalingo. Audio diretto nel recorder di Amplitube senza alcun mastering successivo