Janet Feder: THISCLOSE recensione

Ho deciso di recensire l’ultimo Album di Janet Feder (bio qui), titolo “THISCLOSE” appena visto e sentito l’Epk. Me lo ha segnalato Rhiannon Jenkins, brava professionista che ha molti chitarristi nel roster del suo Ufficio Stampa e che collabora con GuitarList da qualche tempo

Come sanno i miei lettori, sono sempre alla ricerca di proposte originali e innovative, in ogni possibile forma espressiva, musicale e chitarristica. Ascoltare il nuovo Album di Janet Feder, chitarrista americana di Denver (Colorado), significa fare un’esperienza sonora fuori dai comuni canoni chitarristici: chitarra baritona, banjo, dobro, chitarra preparata (cos’è è spiegato bene qui), suoni espansi, manipolati, alterati, senza ricorrere a pedali o processori di segnale.

Janet Feder ama il suono della chitarra e cerca di ogni modo di farlo diventare espressione musicale, ancora prima degli arrangiamenti, delle melodie e della sua voce, che appare in alcuni brani, leggera ed eterea ma nello stesso tempo forte e decisa.

Inserendo piccoli oggetti, anche di uso comune, nelle corde delle sue chitarre e banjo, sulle quali primeggia una Danelectro baritona, Janet Feder ottiene sonorità molto particolari e inusuali, immerse in un contesto sonoro molto minimal, al massimo qualche percussione e qualche nota di piano.

Non aspettative nulla di eccessivamente strillato, il tono dell’intero Album è molto rilassato, quasi etereo. Concentratevi invece sul suono, sulle capacità espressive dello strumento continuamente ricercate dall’artista. E’ lì che troverete la chiave di lettura dell’Album e della musicalità espressa da Janet Feder.
TRACKLIST
1. Crows
2. Ticking Time Bomb
3. Happy Everyday, Me
4. No Apology
5. Happy Everyday, You
6. You At Part Of A Whole
7. Angles & Exits
8. She Sleeps With The Sky
9. T H I S C L O S E

RIFERIMENTI
http://janetfeder.bandcamp.com/album/thisclose