TOTO XIV: Recensione

Farò una recensione da superfan, lo dico subito! Sono cresciuto insieme a Toto, non solo musicalmente. Qualche anno fa ho avuto modo di conoscere Steve Lukather, un sogno realizzato!
Quindi un disco nuovo e così tanto atteso rappresenta un momento importante, un ulteriore tassello di quella meravigliosa fabbrica di Musica che sono i TOTO.

Toto XIV, dieci Album dopo TOTO IV, una tappa importante, quasi 10 anni dopo l’ultimo lavoro in studio, le perdite prima di Jeff poi, molto più recentemente, di Mike Porcaro. Il ritorno di Joseph Williams alla voce..insomma tanti elementi a pesare su uno dei dischi più attesi del 2015!

Ed ecco i TOTO della quattordicesima volta: Lukather, Williams, Paich, Steve Porcaro, Carlock! Ai quali si aggiungono tanti incredibili musicisti, alcuni dei quali hanno anche fatto parte della storia del gruppo: Hungate, Sklar, Castro. Un mito come Tom Scott, l’astro brillantissimo di Tal Winkenfeld e molti altri!

Due concetti fondamentali per questo disco: Stratosferico | TOTO

Stratosferico
Qualità musicale eccellente, composizioni all’altezza del “brand”, musicisti in grande forma. Steve Lukather che, non si sa come faccia, non invecchia!! Riesce a suonare, interpretare, accompagnare come se non fosse uno dei punti di riferimento fondamentali della chitarra moderna. Ancora una volta idee fresche, suoni attuali, parti anche molto difficili quasi senza mai toccare l’idea di un “solo”…modernità dentro una “tradizione” chitarristica lunga quattro decadi! Il peso specifico di Luke si sente, eccome!!

TOTO
E’ un Album dei Toto. Si innova dentro la tradizione, si sente chiaramente il “marchio di fabbrica”. Non adatto a chi cerca a tutti costi la novità dirompente. I Toto fanno semplicemente i Toto, lo sanno fare da Dio da quasi 40 anni. Non possiamo chiedere cambi di rotta radicali. Ci accontentiamo, eccome, di una proposta musicale ancora largamente proponibile senza scadere nell’Amarcord! Le nostre orecchie sono, accarezzate e coccolate da un sound granitico, rock e pop contemporaneamente, energico, melodico, robusto come una roccia! Oggi come dei tredici episodi precedenti!

Da ascoltare, tanto, a lungo..il disco viene fuori dopo molti ascolti, io stesso ce l’ho in playlist da quasi un mese!! Sicuramente uno degli episodi migliori della produzione Toto e non solo della più recente

TRACKLIST
1. Running Out of Time – 4:06
2. Burn – 4:56
3. Holy War – 5:24
4. 21st Century Blues – 6:08
5. Orphan – 3:55
6. Unknown Soldier (For Jeffrey) – 5:06
7. The Little Things – 4:34
8. Chinatown – 5:07
9. All the Tears That Shine – 5:09
10. Fortune – 4:46
11. Great Expectations – 6:48

TOTO
Steve Lukather – voce, chitarre, basso (tracce 5, 6, 11)
Joseph Williams – voce principale
David Paich – voce, tastiere
Steve Porcaro – voce, tastiere
Keith Carlock – batteria

ADDITIONAL
David Hungate – basso (3, 4, 7, 8)
Tal Wilkenfeld – basso (9, 10)
Leland Sklar – basso (2)
Tim Lefebvre – basso (1)
Lenny Castro – percussioni (2, 3, 5-10)
Martin Tillman – violoncello (6, 7)
C. J. Vanston – sintetizzatori, produzione
Michael McDonald – cori (6, 8, 10)
Amy Keys – cori (4, 6, 8, 10)
Mabvuto Carpenter – cori (5, 11)
Jamie Savko – cori (1, 2, 11)
Emma Williams – cori (2)
Tom Scott – sassofono, arrangiamento corni (4), sassofono (8)