Adrian Smith

Chitarrista storico degli Iron maiden fin dai tempi di Killers – secondo studio album della mitica band inglese-, Adrian Smith è uno dei migliori chitarristi Heavy metal di sempre. il suo stile è caratterizzato da assoli studiati, piuttosto tecnici e musicali, con un plettraggio non particolarmente veloce come il suo collega Dave Murray, sebbene Smith abbia uno stile decisamente più in cisivo e meno ripetitivo.

Virtuoso dello strumento, maniacalmente preciso in ogni sua manifestazione, in studio così come sul palco, non è mai caduto in trappole tese dallo sperimentalismo, nonostante negli ultimi album degli iron Maiden, così come in uno dei loro più riusciti, Seven Son of a Seven Son, le innovazioni nello stile della band siano nate da sue idee.

Prolifico nello scrivere canzoni, magari meno del mitico Steve Harris, Adrian Smith è da considerarsi uno dei chitarristi più carismatici del genere

inserrito da Paolo Caponetto

68 thoughts to “Adrian Smith”

  1. Anonimo ha detto:

    bravura musicale e carattere lo rendono indispensabile x il maiden sound.sicuramente l’ago della bilancia del gruppo.stay metal!!

  2. Anonimo ha detto:

    bravo e molto tecnico anzi diciamo bravissimo anzi un mostro anzi , anzi mooch si fort. cià bel cià

  3. Anonimo ha detto:

    ma adesso ke c’entra jimi hendrix se stiamo parlando dell’intoccabile ADRIAN SMITH???(rivolto ad alessandro)

  4. Anonimo ha detto:

    Gers nn è niente di speciale,secondo me nei maiden se ne può tranquillamente fare a meno…

  5. Anonimo ha detto:

    chiunque abbia reputato Smith inferiore ai sue due colleghi non ha capito niente di musica….

  6. Anonimo ha detto:

    Certo, è preciso al limite dell’inverosimile, ma comunque non è lui la sola essenza dei Maiden (mi sto riferendo al commento di miche). Comunque se Adrian se ne andasse, sarebbe davvero una grande perdita per la band.

  7. Anonimo ha detto:

    mettendo le mani avanti dicendo ke sono un grande fan dei Maiden,cercherò di essere il più obbiettivo possibile.Dal modo in cui suona Adrian nei maiden si potrebbe dire ke sia un discreto chitarrista ma dopo tanti anni ke lo seguo posso dire ke è un grandissimo chitarrista..riesce ad ottenere dei suoni stupendi e delle armonie fantastiche.cmq ricordo che un chitarrista non si giudica solo dalla tecnica ma dal carattere dalla passione che mette nel suonare e dall’inventiva..certo se poi oltre a questi c’è anke della grande tecnica ben venga

  8. Anonimo ha detto:

    Ho letto tutti i commenti presenti sul chitarrista in questione e purtroppo ho notato che quasi tutti mancano di obiettività. Premettendo che anch’io sono un fan sfegatato dei Maiden, che ho tutti i loro dischi, gadgets, spartiti originali, biografie, video, e così via. Non bisogna però confondere il fanatismo e la venerazione per Smith e ciò che rappresenta con il suo modo di fare e concepire la musica. Commenti e giudizi osannanti come quelli che ho visto per un chitarrista indubbiamente con una grande inventiva, ma per il resto comune come migliaia di altri suoi colleghi sono degni di raggazzini quattordicenni che stanno tentando di avvicinarsi al mondo della musica e non di gente che invece dovrebbe giudicare e commentare in modo razionale. Smith è tutto sommato un discreto chitarrista, compensa la scarsa elasticità della sua tecnica solistica con la grande mente compositiva e la precisione al limite del maniacale. Tutto sommato lo reputo inferiore ai seppur simili, chitarristicamente parlando, Murray e Gers.

  9. Anonimo ha detto:

    Adrian è stato e continua ad essere fondamentale per gli iron. ragazzi cosa sarebbero i Maiden senza 22 Acacia Avenue (canzone composta ai tempi degli Urchin),The Number of the Beast, The Trooper, Wasted Years???…

  10. Anonimo ha detto:

    ma no sparate minchiate tutti quanti si sa bene chi è il migliore e jimi hendrix e nessuno mai lo superera nemmeno steve vai e qundi se volete petette dire tutte leminchiate che volete su qualunque chitarrista ma jimy e jimy

  11. Anonimo ha detto:

    vi pice questa idea? un super gruppo formato da: alla voce e alla chitarra ritmica j. hetfield(metallica), alle chitarre paul quinn(saxon) e adrian smith(iron maiden), al basso steve harris(iron maiden), alla batteria mark abruzzese(ex pearl jam) oppure nicko mc brain(iron maiden), e alle tastiere don airey(deep purple). vi gusta? grande adrian.

  12. Anonimo ha detto:

    Ed eccocmi qua,dopo una giornata intera (dalle 5 a mezzanotte) vissuta allo stadio Olimpico di Roma.Sono ancora vivo dopo circa 7 ore di pogo ed ancora estasiato da un’esibizione magistrale dei “fantastici 6”.Questi signori che vanno per i sessanta sanno suonare in modo incredibile,dal vivo i pezzi vengono in modo straordinario sia grazie alla loro impareggiabile presenza scenica,sia grazie all’incredibile sostegno del pubblico.A proposito di pubblico,ieri purtroppo si è gravemente pagata,a mio parere,la concomitanza con gli esami di maturità..potevamo essere molti di più..anche se credo si siano sfiorati i 60.000…

  13. Anonimo ha detto:

    secondo me, adrian smith “H”, essendo un po più introverso fa uno stile a parte.. poi quando fa gli assoli vedi the wicker man ecc..mi esalto perche e fantastic..chi ha avuto la fortuna di assistere al rock in rio 2002 dovrebbe intervenire secondo me e stata la sua prestaazione migliore..w i maiden

  14. Anonimo ha detto:

    scusa giuseppe, ma janicj dove lo metti, con la sua plettrata e la sua tecnica trascinante?

Lascia un commento