Frank Zappa


“Senza la musica per decorarlo il tempo sarebbe solo una noiosa sequela di scadenze produttive e di date in cui pagare le bollette”. Frank Zappa

Frank Zappa ? nato il 21 dicembre 1940 e scomparso il 4 dicembre 1993 non era solo una grande chitarrista, certamente non era solo un grande musicista rock, non era solo un grande provocatore : era innanzitutto un grandissimo musicista. La cui grandezza ?stata riconosciuta da grandi musicisti di musica “colta” come Pierre Boulez, Igor Stravinsky, Karlheinz Stokhausen o Edgar Varese.

Non dir?di pi?su Frank Zappa perch?cos?la pensava su chi parlava/scriveva di musica.

“Scrivere di musica ?come ballare di architettura”

28 thoughts to “Frank Zappa”

  1. Frank?Ormai è diventato un amico, quasi una persona di casa,quello a cui mi rivolgo quando sono giù, e lui i consigli li ha sempre, i suoni e le parole per renderci la vita meno noiosa,per prenderci meno sul serio,per essere migliori. Questo è Frank Zappa, che si vantava ,col suo solito humor di fare cose serie ,”intellettuali” , divertendo, divertendo da matti. Leggete il testo di “cocaine decisions” e pensate a Lapo ed all’on.Mele ,oppure se siete giù per un amore ,ascoltate “broken hearts are for assholes” e vi sentirete rinati . Un maestro dal talento sterminato da cui abbiamo solo da imparare ..e da ridere.

  2. LittleItalianVirtuoso, bellissimo commento…..come sempre…ma questo mi ha colpito in modo particolare!

  3. Più passa il tempo,più lo ascolto,più mi ci appassiono cercando di studiarlo,e più capisco che questo uomo era una demente..un demente intinsecamente geniale.Credo che la sua musica prima di essere giudicata vada compresa a fondo:il punto è che è un artista di una tale versatilità ed ecletticità da spiazzare anche il più colto musicologo e crtico.Nessun artista (e qui il termine “nessuno” è davvero da intendere in senso assoluto) ha mai fatto qualcosa di simile,nessun musicista è mai riuscito a crearsi un immagine tanto estrema e controversa:un compromesso umano tra mozart e un pagliaccio provocatore,con quella sua lingua che tagliava più di qualunque estremismo musicale (mi riferisco al metal duro).non riesco davvero a prendere una posizione chiara nel giudicarlo,per il semplice fatto che da una parte mi vengono in mente Zombie Woof e black page,dall’altra “Tengo ’na Minchia tanta”,il che è tutto dire..

  4. Davvero difficile capire come diavolo ha fatto a comporre cosi tante canzoni…e ke canzoni !!! Grande Frank! Fantasia ai massimi livelli! Comunque bellissima anche la canzone “Tengo’na minchia tanta” :DD

  5. .. lo Zio FranK “redigeva” ..pare(!)..persino i concerti Live!(su tutti “Roxy and Elsewhere” -’78-)..ci dovrebbe bastare per capire quanto fosse..”avanti”. Lui si dichiarava solo” in grado di comporre,suonare,arrangiare,produrre

  6. un artista vero…e vissuto per la musica, si ammalò, non potè più suonare ed è morto… ed io piansi

  7. difficile descrivere la sua musica a parole:grandiosa,stravagante,complessa,satirica,geniale,o forse tutto insieme e molto altro?per me è difficile fare un commento sintetico su di lui quindi consiglierò soltanto a chi non lo conosce di ascoltarlo!

  8. Era un pazzo, un genio di livello come Einstein, uno “scopritore di talenti” come Vai e soprattutto la maggiore influenza per il mio chitarrista preferito, John Frusciante, assieme a Captain Beefhart! Semplicemente un grande e non credo che le parole sevano a qualcosa nel suo caso! Se potesse sentirmi direi: “Frank, grazie!!”

  9. NN BISOGNA PARLARE…ASCOLTATELO…PER DIRE AD ANDREA…STEVE VAY E’ SOLO VIRTUOSO ED IL VIRTUOSISMO E’ FINE A SE STESSO…CI VUOLE TECNICA E VELOCITA’ NN SOLO VIRTUOSISMO.E I TEMPI? LE BATTUTE? LE FIGURE?…

Lascia un commento