gary moore

Gary Moore è uno dei chitarristi più virtuosi degli ultimi trent’anni,sebbene sia sempre stato snobbato o sottovalutato.Irlandese di nascita, musicalmente cresciuto in band dall’impronta Hard-rock come Skid Row e Thin Lizzy dove a militato saltuariamente nei ’70.

Parallelamente ha intrapreso una carriera solista che, dal buon vecchio rock,lo ha condotto ad esplorare i territori del blues.come non citare le sue collaborazioni con il bluesman Albert Collins oppure la partecipazione ad un cd tributo a Muddy Waters,dove sono presenti artisti del calibro di Brian May,David Gilmour,Paul Rodgers,etc.

Tecnicamente parlando,Gary Moore unisce velocità padronanza dello strumento e sentimento; caratteristica poco presente nei chitarristi attuali,fatta eccezione forse per Steve Vai, Pat Metheny e qualche altro.in questo senso consiglio a tutti “blues alive” nel quale si può apprezzare tutta la sua classe dal vivo,specie in “parisienne walkways” dove prolunga il suono acuto di una nota per 30 secondi…un assolo struggente e carico di pathos!

44 thoughts to “gary moore”

  1. maga ha detto:

    Per me e non solo,resta nell olimpo….un Dio con la chitarra in mano,lasciando stare che come tecnica pulizia naturalezza ecc. come lui ben pochi,ma come riesce a trasmettere certe emozioni nei suoi pezzi….a chi lo critica dico solo…………..
    Provate a fare quello che fa lui con la chiarra ,poi ne riparliamo…….energia,fuoco allo stato puro……e poi quelli di RollingStones mi fanno la classifica dei 100 chitarristi…..MA DE CHE,…forse classifica Commerciale o di vendite….ma no di talento,quale lui era principe e mi pare nemmeno compaia!!!!
    Alla maqggior parte di quelli classificati,……cadrebbero i capelli provando a fare i numeri ( soli o altro) che faceva il buon GARY !!!!
    Good music people.

  2. falangemetallica ha detto:

    Ciao, leggevo il secolo scorso da qualche parte… che Gary Moore tra la fine degli anni sessanta ed inizio settanta.. avesse registrato in un PROGETTO ROCK-CLASSIC delle parti di chitarra BAROCCO-ROCK, introducendo, per la prima volta e prima ancora dei guitar hero degli anni’80, l’influenza di VIVALDI, BACH etc… nella ROCK.. chi ne sa’ qualcosa in più? ciao

  3. guitar king ha detto:

    Il blues di Gary Moore, certo….ma possibile che nessuno ricordi o sappia di una sua fantastica partecipazione in chiave jazz-fusion ad un album dei Colosseum (ovvero i Colosseum 2, del grande Jon Hiseman), dal titolo “Electric Savage” ?????
    Provate a sentirlo! Troverete un insolito Gary ma sempre da brivido …. ancor oggi, nonostante i circa 40 anni passati dall’uscita di quel disco!!!!

Lascia un commento