Robert Johnson


mitico chitarrista degli anni ’30.La sua ?una storia molto travagliata,infatti dopo la morte della moglie fece il vagabondo ma quando dopo un anno torn?a farsi vivo tutti notarono la mostruosit?con cui suonava la chitarra.La leggenda narra che abbia fatto un patto con il diavolo ma un’altra ipotesi ?che incontr?il bluesman IKE ZINNEMAN che gli fece da maestro.La musica di Johnson ?la musica del peccato,mostruosa ma allo stesso tempo sublime.

8 thoughts to “Robert Johnson”

  1. Anonimo ha detto:

    Che dire…basti pensare che suona una chitarra e ne fa sembrare due se non addirittura tre in certi casi…la sua tecnica è ancora oggi un mistero,forse solo clapton nell’album che ha fatto in suo onore ci si è avvicinato…il primo grande bluesman da cui hanno preso ispirazione i vari muddy waters,jonh lee hooker,bb king,buddy guy,albert collins,matt murphy ecc

  2. Anonimo ha detto:

    Quando sento dire che Sweet home chicago è dei Blues Brothers mi viene solo da ridere.

  3. Anonimo ha detto:

    una immensa follia ritmica..cantare e accompagnarsi con quelle fugurazioni senza far pesare tutte quelle sincopi e compagnia bella è cosa che pochissimi hanno saputo fare.per hendrix è stato una figura di riferimento imprescindibile

  4. Anonimo ha detto:

    pochi chitarristi sono stati in grado di sacrificare del tutto la ricchezza per dedicarsi del tutto alla musica. da ammirare per le canzoni quasi tutte con la stessa struttura ritmica, ma con un’ atmosfera che anche il grande clapton ha riconosciuto e cercato di imitare. invano però.

  5. Anonimo ha detto:

    bè che dire…posso solo condividere quello che dice riccardo! qui ce da inchinarsi altro che…va be lasciamo perdere

  6. Anonimo ha detto:

    Che quest’uomo abbia venduto o no l’anima al diavolo,di certo il diavolo dopo averlo sentito suonare si sarà mangiato le mani e avrà voluto ribarattare!!

Lascia un commento