Spesso erroneamente sottovalutato come chitarrista, ?doveroso tenere in dovuta considerazione il fatto che la maggior parte degli arrangiamenti dei brani che compaiono sotto i marchi “Crosby, Stills & Nash” o “Crosby, Stills, Nash & Young” sono opera sua. Forse non tutti si sono accorti dei fini ricami tessuti dalle sue chitarre, per non parlare della sua voce aggressiva, calda e grintosa. Molto incisivo sull’elettrica, a dir poco strepitoso sull’acustica, Stills suona con spiccato talento anche il basso e il pianoforte. Vi consiglio di ascoltarlo in due suoi album su tutti, “Stephen Stills” del 1970 e “Stephen Stills Live” del 1975. Se siete dei novizi di Crosby, Stills & Nash, catturatevi “Dej?Vu” e il poderoso live “Four Way Street” a nome Crosby, Stills, Nash & Young.